Infotel
cloud

Norme sulla sicurezza degli impianti


È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 61 del 12.3.2008, il D. Min. Sviluppo Economico n. 37/2008, concernente il riordino delle disposizioni in materia di progettazione, realizzazione, installazione e manutenzione degli impianti all'interno degli edifici, ai sensi dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lett. a), della L. 248/2005.
A decorrere dal 27.3.2008, data di entrata in vigore del nuovo Regolamento, come disposto dall'art. 3 della L. 17/2007 (Cfr. Bollettino n. 3/2007) saranno abrogati il DPR n. 447/1991, gli articoli da 107 a 121 del DPR n. 380/2001 (la cui entrata in vigore era stata differita al 31.3.2008 dalla L. 31/2008), e la L. n. 46/1990, ad eccezione degli articoli 8, 14 e 16.

Campo di applicazione
Il provvedimento si applica ai seguenti impianti:

* impianti elettrici, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere;
* impianti radiotelevisivi, antenne e impianti elettronici;
* impianti di riscaldamento, climatizzazione, condizionamento e refrigerazione;
* impianti idrici e sanitari;
* impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas;
* impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, montacarichi, scale mobili;
* impianti di protezione antincendio

posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d'uso, collocati all'interno degli stessi o delle relative pertinenze, a partire dal punto di consegna della fornitura. Non sono invece disciplinati dal presente decreto gli impianti o parti di essi che sono soggetti a requisiti di sicurezza prescritti in attuazione di normativa specifica o comunitaria.

Attività previste dal decreto
Sono abilitate a svolgere le attività oggetto del Decreto le imprese, iscritte nel registro delle imprese o nell'Albo provinciale delle imprese artigiane, se l'imprenditore individuale o il legale rappresentante ovvero il responsabile tecnico da essi preposto con atto formale, è in possesso dei requisiti professionali di cui all'articolo 4. Di grande rilevanza in proposito è l'obbligo imposto al responsabile tecnico di svolgere tale funzione per una sola impresa, e l'incompatibilità di tale qualifica con ogni altra attività continuativa.

Per l'installazione, la trasformazione e l'ampliamento degli impianti è redatto un progetto che deve essere predisposto da un professionista iscritto negli albi professionali per gli impianti di particolare rilevanza, elencati all'art. 5, comma 2, tra cui gli impianti elettrici di potenza superiore ai 6 kW, quelli di riscaldamento con canne fumarie collettive ramificate, quelli di climatizzazione con potenzialità frigorifera superiore a 40000 frigorie/ora. Negli altri casi il progetto è redatto, in alternativa, dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice.

Si segnala che il progetto non occorre per le forniture di energia elettrica temporanee a servizio di impianti di cantiere e similari (ferma restando peraltro la dichiarazione di conformità), nonché per le attività di manutenzione ordinaria, come definite dall'art. 2, comma 1, lettera d).

Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa vigente, comprese quelle di funzionalità dell'impianto, l'impresa installatrice rilascia al committente la dichiarazione di conformità. Di tale dichiarazione, resa sulla base del modello di cui all'allegato I, fanno parte integrante la relazione contenente la tipologia dei materiali impiegati, nonché il progetto.

Si segnala altresì che gli impianti elettrici residenziali realizzati prima del 13.3.1990 si considerano adeguati se dotati di sezionamento e protezione contro le sovracorrenti posti all'origine dell'impianto, di protezione contro i contatti diretti, di protezione contro i contatti indiretti o protezione con interruttore differenziale avente corrente differenziale nominale non superiore a 30 mA.

Adempimenti burocratici
Poiché il decreto rende la dichiarazione di conformità obbligatoria ai fini delle compravendite immobiliari, qualora detta dichiarazione non sia stata prodotta o non sia più reperibile, tale atto è sostituito - per gli impianti eseguiti prima dell'entrata in vigore del decreto - da una dichiarazione di rispondenza, resa da un professionista iscritto all'albo professionale che abbia esercitato per almeno cinque anni nel settore di competenza.

Sia il progetto che la dichiarazione di conformità (o il certificato di collaudo ove previsto dalla normativa) devono essere depositati presso lo sportello unico per l'edilizia il quale, solo dopo aver acquisito tutti i suddetti documenti può rilasciare il certificato di agibilità, secondo quanto previsto dall'art. 9 del decreto in esame.

3 commenti

  1. infotel // 29 marzo 2008 15:36  

    IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Visto l'articolo 87, comma quinto, della Costituzione; Visto l'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito in legge, con modificazioni, dall'articolo 1, della legge 2 dicembre 2005, n. 248, recante misure di contrasto all'evasione fiscale e disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria; Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visti gli articoli 8, 14 e 16 della legge 5 marzo 1990, n. 46, recante norme per la sicurezza degli impianti; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 392, recante il Regolamento recante disciplina del procedimento di riconoscimento delle imprese ai fini della installazione, ampliamento e trasformazione degli impianti nel rispetto delle norme di sicurezza; Vista la legge 5 gennaio 1996, n. 25, recante differimento di termini previsti da disposizioni legislative nel settore delle attivita' produttive ed altre disposizioni urgenti in materia e successive modificazioni; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 dicembre 1999, n. 558, recante il regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonche' per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di inizio di attivita' e per la domanda di iscrizione all'albo delle imprese artigiane o al registro delle imprese per particolari categorie di attivita' soggette alla verifica di determinati requisiti tecnici; Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, recante il regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE sugli ascensori e di semplificazione dei procedimenti per la concessione del nulla osta per ascensori e montacarichi, nonche' della relativa licenza di esercizio e successive modificazioni; Visto l'articolo 1-quater del decreto-legge 12 maggio 2006, n. 173, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2006, n. 228, recante proroga di termini per l'emanazione di atti di natura regolamentare. Visto l'articolo 3, comma 1, del decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni diverse), convertito, con modificazioni, nella legge 26 febbraio 2007, n. 17; Udito il parere del Consiglio di Stato, Sezione Consultiva per gli Atti Normativi, espresso nell'adunanza generale del 7 maggio 2007, n. 159/2007; Vista la comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, a norma dell'articolo 17 della legge n. 400 del 1998, effettuata con nota n. 0018603-17.8.2/1 del 16 novembre 2007; A d o t t a il seguente regolamento: Art. 1. Ambito di applicazione 1. Il presente decreto si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d'uso, collocati all'interno degli stessi o delle relative pertinenze. Se l'impianto e' connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura. 2. Gli impianti di cui al comma 1 sono classificati come segue: a) impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell'energia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche, nonche' gli impianti per l'automazione di porte, cancelli e barriere; b) impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere; c) impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, e di ventilazione ed aerazione dei locali; d) impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie; e) impianti per la distribuzione e l'utilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali; f) impianti di sollevamento di persone o di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili; g) impianti di protezione antincendio. 3. Gli impianti o parti di impianto che sono soggetti a requisiti di sicurezza prescritti in attuazione della normativa comunitaria, ovvero di normativa specifica, non sono disciplinati, per tali aspetti, dalle disposizioni del presente decreto.





    Avvertenza:

    Le note qui pubblicate sono state redatte
    dall'amministrazione competente per materia ai sensi
    dell'articolo 10, commi 3 del testo unico delle
    disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
    sull'emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
    e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
    approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
    fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
    alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il
    valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti.

    Note alle premesse:
    - L'articolo 87, comma quinto, della Costituzione
    conferisce, tra l'altro, al Presidente della Repubblica il
    potere di promulgare le leggi e di emanare i decreti aventi
    valore di legge ed i regolamenti.
    - Il testo dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13,
    lettera a), del decreto legge 30 settembre 2005, n. 203,
    recante «Misure di contrasto all'evasione fiscale e
    disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria.
    (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 3 ottobre 2005, n.
    230) e convertito in legge, con modificazioni,
    dall'articolo 1, della legge 2 dicembre 2005, n. 248
    (Gazzetta Ufficiale 2 dicembre 2005, n. 281, S.O.), e' il
    seguente:
    «13. Entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in
    vigore della legge di conversione del presente decreto, il
    Ministro delle attivita' produttive, di concerto con il
    Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, emana
    uno o piu' decreti, ai sensi dell'articolo 17 della legge
    23 agosto 1988, n. 400, volti a disciplinare:
    a) il riordino delle disposizioni in materia di
    attivita' di installazione degli impianti all'interno degli
    edifici;
    Il testo dell'articolo 17, comma 3, della legge
    23 agosto 1988, n. 400, recante «Disciplina dell'attivita'
    di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
    Ministri.», (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
    12 settembre 1988, n. 214, 5.0.), e' il seguente:
    «Art. 17 (Regolamenti). - (1. - 2. Omissis).
    3. Con decreto ministeriale possono essere adottati
    regolamenti nelle materie di competenza del ministro o di
    autorita' sottordinate al ministro, quando la legge
    espressamente conferisca tale potere. Tali regolamenti, per
    materie di competenza di piu' ministri, possono essere
    adottati con decreti interministeriali, ferma restando la
    necessita' di apposita autorizzazione da parte della legge.
    I regolamenti ministeriali ed interministeriali non possono
    dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti emanati
    dal Governo. Essi debbono essere comunicati al Presidente
    del Consiglio dei ministri prima della loro emanazione.
    Il testo degli articoli 8, 14 e 16 della legge 5 marzo
    1990, n. 46, recante «Norme per la sicurezza degli
    impianti» (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 12 marzo
    1990, n. 59), sono i seguenti:
    «Art. 8 (Finanziamento dell'attivita' di normazione
    tecnica). - 1. Il 3 per cento del contributo dovuto
    annualmente dall'Istituto nazionale per la assicurazione
    contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) per l'attivita' di
    ricerca di cui all'articolo 3, terzo comma, del
    decreto-legge 30 giugno 1982, n. 390, convertito, con
    modificazioni, dalla legge 12 agosto 1982, n. 597, e'
    destinato all'attivita' di normazione tecnica, di cui
    all'articolo 7 della presente legge, svolta dall'UNI e dal
    CEI.
    2. La somma di cui al comma 1, calcolata sull'ammontare
    del contributo versato dall'INAIL nel corso dell'anno
    precedente, e' iscritta a carico del capitolo 3030, dello
    stato di previsione della spesa del Ministero
    dell'industria, del commercio e dell'artigianato per il
    1990 e a carico delle proiezioni del corrispondente
    capitolo per gli anni seguenti.».
    «Art. 14 (Verifiche). - 1. Per eseguire i collaudi, ove
    previsti, e per accertare la conformita' degli impianti
    alle disposizioni della presente legge e della normativa
    vigente, i comuni, le unita' sanitarie locali, i comandi
    provinciali dei vigili del fuoco e l'Istituto superiore per
    la prevenzione e la sicurezza del lavoro (ISPESL) hanno
    facolta' di avvalersi della collaborazione dei liberi
    professionisti, nell'ambito delle rispettive competenze, di
    cui all'articolo 6, comma 1, secondo le modalita' stabilite
    dal regolamento di attuazione di cui all'articolo 15.
    2. Il certificato di collaudo deve essere rilasciato
    entro tre mesi dalla presentazione della relativa
    richiesta.».
    «Art. 16 (Sanzioni). - 1. Alla violazione di quanto
    previsto dall'articolo 10 consegue, a carico del
    committente o del proprietario, secondo le modalita'
    previste dal regolamento di attuazione di cui
    all'articolo 15, una sanzione amministrativa da lire
    centomila a lire cinquecentomila. Alla violazione delle
    altre norme della presente legge consegue, secondo le
    modalita' previste dal medesimo regolamento di attuazione,
    una sanzione amministrativa da lire un milione a lire dieci
    milioni.
    2. Il regolamento di attuazione di cui all'articolo 15
    determina le modalita' della sospensione delle imprese dal
    registro o dall'albo di cui all'articolo 2, comma 1, e dei
    provvedimenti disciplinari a carico dei professionisti
    iscritti nei rispettivi albi, dopo la terza violazione
    delle norme relative alla sicurezza degli impianti, nonche'
    gli aggiornamenti dell'entita' delle sanzioni
    amministrative di cui al comma 1.».
    Il decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile
    1994, n. 392, «Regolamento recante disciplina del
    procedimento di riconoscimento delle imprese ai fini della
    installazione, ampliamento e trasformazione degli impianti
    nel rispetto delle norme di sicurezza.», e' pubblicato
    nella Gazzetta Ufficiale 18 giugno 1994, n. 141,
    Supplemento Ordinario.
    La legge 5 gennaio 1996, n. 25, recante « Differimento
    di termini previsti da disposizioni legislative nel settore
    delle attivita' produttive ed altre disposizioni urgenti in
    materia.», e' pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
    20 gennaio 1996, n. 16.
    Il decreto del Presidente della Repubblica 14 dicembre
    1999, n. 558, recante «Regolamento recante norme per la
    semplificazione della disciplina in materia di registro
    delle imprese, nonche' per la semplificazione dei
    procedimenti relativi alla denuncia di inizio di attivita'
    e per la domanda di iscrizione all'albo delle imprese
    artigiane o al registro delle imprese per particolari
    categorie di attivita' soggette alla verifica di
    determinati requisiti tecnici (numeri 94-97-98
    dell'allegato 1 della legge. 15 marzo 1997, n. 59). e'
    pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 21 novembre 2000, n.
    272.
    Il decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile
    1999, n. 162, recante «Regolamento recante norme per
    l'attuazione della direttiva 95/16/CE sugli ascensori e di
    semplificazione dei procedimenti per la concessione del
    nulla osta per ascensori e montacarichi, nonche' della
    relativa licenza di esercizio.», e' pubblicato nella
    Gazzetta Ufficiale 10 giugno 1999, n. 134.
    Il testo dell'articolo 1-quater del decreto-legge
    12 maggio 2006, n. 173, (pubblicato nella Gazzetta
    Ufficiale 13 maggio 2006, n. 110) convertito in legge
    12 luglio 2006, n. 228, recante «Proroga di termini per
    l'emanazione di atti di natura regolamentare. Ulteriori
    proroghe per l'esercizio di deleghe legislative e in
    materia di istruzione.»(pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
    12 luglio 2006, n. 160), e' il seguente:
    «1-quater. (Proroga di termine in materia di patrimonio
    abitativo). - 1. Il termine previsto dall'articolo 5-bis,
    comma 2, del decreto-legge 27 maggio 2005, n. 86,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 26 luglio 2005,
    n. 148, e' prorogato fino all'attuazione
    dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, del decreto-legge
    30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni,
    dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, e comunque non oltre
    il 1° gennaio 2007.
    - Il testo dell'articolo 3, comma 1, del decreto-legge
    28 dicembre 2006, n. 300,(pubblicato nella Gazzetta
    Ufficiale 28 dicembre 2006, n. 300), convertito, con
    modificazioni, in legge 26 febbraio 2007, n. 17, recante «
    Proroga di termini previsti da disposizioni legislative.
    Disposizioni di delegazione legislativa.» (pubblicata nella
    Gazzetta Ufficiale 26 febbraio 2007, n. 47, Supplemento
    Ordinario), e' il seguente:
    «Art. 3. (Disposizioni in materia di costruzioni, opere
    infrastrutturali e lavori in edilizia). - 1. Il termine
    previsto dall'articolo 1-quater, comma 1, del decreto-legge
    12 maggio 2006, n. 173, convertito, con modificazioni,
    dalla legge 12 luglio 2006, n. 228, e' prorogato fino alla
    data di entrata in vigore del regolamento recante norme
    sulla sicurezza degli impianti, di cui
    all'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), del
    decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con
    modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, e,
    comunque, non oltre il 31 dicembre 2007. A decorrere dalla
    data di entrata in vigore del regolamento di cui al primo
    periodo del presente comma, sono abrogati il regolamento di
    cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 dicembre
    1991, n. 447, gli articoli da 107 a 121 del testo unico di
    cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno
    2001, n. 380, e la legge 5 marzo 1990, n. 46, ad eccezione
    degli articoli 8, 14 e 16, le cui sanzioni trovano
    applicazione in misura raddoppiata per le violazioni degli
    obblighi previsti dallo stesso regolamento di cui al primo
    periodo del presente comma.

  2. infotel // 29 marzo 2008 15:42  

    L'obbligo di garanzia (articolo 13 del Dm 37/2008) riguarda i soli impianti realizzati o modificati dopo il 27 marzo 2008 o anche gli impianti realizzati in precedenza? In quest'ultimo caso, la garanzia concerne qualsiasi impianto o solo quelli realizzati o modificati dopo la legge 46/1990?
    R. Il Dm 22 gennaio 2008 n. 37 disciplina la realizzazione e la modifica in condizioni di piena sicurezza degli impianti negli edifici, senza prevedere nessuna disposizione di adeguamento degli impianti preesistenti che, pertanto, si considerano a norma qualora realizzati o modificati in conformità alle disposizioni applicabili a quell'epoca. D'altro canto, la prescrizione dell'articolo 13, anche in relazione ai fini di tutela della sicurezza delle persone, non può non riguardare tutte le cessioni a qualsiasi titolo o di uso dei fabbricati, compiute a decorrere dall'entrata in vigore della disciplina. Ne consegue che dal 27 marzo del 2008 l'obbligo di garanzia previsto dall'articolo 13 riguarda tutti gli edifici anche preesistenti, ma, naturalmente la sicurezza degli impianti preesistenti (e relativi oneri documentali) dovranno essere conformi alle norme applicabili all'epoca della loro realizzazione o del loro ultimo adeguamento obbligatorio. Pertanto, gli adempimenti diventano via via più tenui quanto più la realizzazione degli impianti si allontana nel tempo.

    D. L'obbligo di garanzia è derogabile per esplicita pattuizione tra i contraenti? In caso negativo, l'immobile non è più vendibile fino a che gli impianti non sono messi a norma?
    R. L'articolo 13 non prevede eccezioni all'obbligo di garanzia, che risponde a un basilare principio di buona fede contrattuale; è viceversa possibile non allegare le dichiarazioni di conformità e di rispondenza. La mancata previsione della garanzia da parte del venditore può essere fatta valere dall'acquirente, trattandosi di norma volta a tutelare la pubblica incolumità, ma non comporta la nullità del contratto.

    D. L'obbligo di garanzia è derogabile per esplicita pattuizione tra i contraenti se riguarda impianti realizzati dopo il 27 marzo 2008?
    R. Si è già precisato che l'obbligo di garanzia non prevede eccezioni perché risponde a un'esigenza di interesse pubblico generale come quella delle sicurezze delle persone (soprattutto casalinghe e bambini, che vengono oggi colpiti da frequenti incidenti domestici). Inoltre, l'obbligo di garanzia risponde a principi fondamentali dell'ordinamento giuridico, quali quello di buona fede contrattuale e quello di responsabilità del venditore per i vizi della cosa venduta. L'obbligo di garanzia, quindi, non è mai derogabile e prescinde dal tempo della realizzazione degli impianti.

    D. Se la garanzia viene prestata ma poi l'impianto non si rivela a norma, la violazione dell'obbligo di garanzia comporta l'applicazione della sanzione da euro 1.000 a euro 10.000?
    R. L'articolo 13 del nuovo decreto impone al venditore di prestare la propria garanzia circa la sicurezza degli impianti, nei termini già indicati, ma non prevede uno specifico obbligo di adeguamento degli impianti dell'immobile (che il venditore potrebbe anche non conoscere affatto) prima di stipulare la vendita o la locazione. Pertanto, se l'impianto non si rivela a norma, scatta la garanzia prestata con l'obbligo del venditore di tenere indenne il compratore dalle spese e dagli eventuali danni (obbligo che peraltro preesisteva secondo i principi generali del nostro ordinamento). Non è viceversa configurabile una sanzione amministrativa, salvo che si possa risalire a specifiche responsabilità relative all'avvenuta installazione e manutenzione dei singoli impianti.

    D. La sanzione viene irrogata al costruttore, all'impiantista, al committente, al venditore, al notaio?
    R. La sanzione, che come si è visto può riguardare solo la mancata previsione della garanzia, riguarda il venditore salva la responsabilità deontologica del notaio.

    D. Se la garanzia viene prestata e poi l'impianto non si rivela a norma, la violazione dell'obbligo di garanzia determina la nullità del contratto?
    R. L'obbligo di garanzia determina effetti proprio solo in caso di impianto non a norma ponendo la relativa responsabilità in capo al venditore, senza, in ogni caso incidere sulla esistenza, validità o efficacia del contratto, salvo che il compratore possa dimostrare che la difformità dell'impianto dalla disciplina a esso applicabile costituisce un inadempimento "essenziale", tale da porre nel nulla l'intero contratto.

  3. infotel // 29 marzo 2008 15:43  

    Se in un contratto preliminare nulla viene detto sullo stato degli impianti, il preliminare si interpreta nel senso che l'immobile è venduto «visto e piaciuto» e «nello stato in cui si trova» oppure si interpreta nel senso che il venditore deve mettere a norma gli impianti e garantire la loro conformità?

    R. Il venditore è tenuto a garantire la sicurezza degli impianti, nei termini anzidetti, ma non è tenuto a metterli a norma, salvo che tale obbligo sia espressamente previsto dal preliminare o dal definitivo.

    D. Se in un contratto di compravendita non è fatta menzione della garanzia né è contenuta un'esplicita deroga alla garanzia, si applica la sanzione da euro 1.000 a euro 10.000?
    R. Sì.

    D. Questa sanzione viene irrogata al costruttore, all'impiantista, al committente, al venditore, al notaio?
    R. La sanzione viene irrogata al venditore salva la responsabilità deontologica del notaio.

    D. Se in un contratto di compravendita non è fatta menzione della garanzia né è contenuta un'esplicita deroga alla garanzia, il contratto è nullo?
    R. No. Può caso mai ritenersi che la garanzia valga comunque, anche ove non espressamente apposta.

    D. L'articolo 13 prima parla di «trasferimento a qualsiasi titolo» e poi parla di «venditore». Cosa si intende per «trasferimento a qualsiasi titolo»? Solo la compravendita? Qualsiasi atto traslativo a titolo oneroso (permuta, conferimento, eccetera)? Anche i trasferimenti a titolo gratuito (donazione)? La costituzione e il trasferimento di usufrutto? Il trasferimento di nuda proprietà?
    R. La norma riguarda ogni forma di trasferimento, anche quello a titolo gratuito in quanto il principio su cui si fonda la garanzia è quello della tutela della sicurezza delle persone. Del resto, la giurisprudenza ha già affrontato e chiarito gli ambiti della responsabilità di chi mette un bene a disposizione di altri a titolo gratuito.